“Non mi associo, quindi, a simile domanda …” Sandro Pertini 23 febbraio 1933

Non è un caso aver scelto questa lettera del 23 febbraio del ’33

Oggi 24 febbraio dell’anno 1990 il Presidente Pertini chiudeva la sua esistenza di uomo retto, antifascista, coerente e schietto.

Ci piace ricordarlo con queste parole orgogliose scritte dal confino di Pianosa

A sua Eccellenza il Presidente del Tribunale Speciale: la comunicazione che mia madre ha presentato domanda di grazia in mio favore, mi umilia profondamente. Non mi associo, quindi, a simile domanda, perché sento che macchierei la mia fede politica, che più d’ogni cosa, della mia stessa vita, mi preme. Il recluso politico Sandro Pertini

E  ci piace ricordarlo con due altre immagini che rappresentano – la prima –  la vitalità del Presidente Pertini, quel suo volere tramandare alle generazioni, con il racconto e con l’esempio  e la seconda immagine quella che ci trasmette il rispetto, la fratellanza, la lotta che non si ferma di fronte alla morte, l’amore quasi filiale per un grande uomo politico, Enrico Berlinguer.

 

Annunci