Bersani: Prima c’è l’Italia, poi c’è il Pd e il suo progetto per l’Italia, poi ci sono le ambizioni personali

Chi ha avuto l’opportunità di vedere la diretta TV su Youdem.Tv e su Repubblica.Tv avrà notato la scelta – non solo scenografica ma di sostanza perché orientata soprattutto ad un criterio di rinnovamento di un partito riformista e popolare, che pratica la buona politica come migliore risposta all’antipolitica –  di privilegiare intorno al segretario, sul palco, i volontari della Festa e gli amministratori dei comuni colpiti dal terremoto.

Un discorso orientato più verso le elezioni politiche che non le primarie, queste si faranno, probabilmente l’ultima domenica di novembre (con eventuale secondo turno sette giorni dopo).

Un discorso con un forte accento sulla costruzione di un progetto per l’ Italia – e qui l’invito ad una attenta lettura della Carta di intenti dei democratici e dei progressisti – e con un forte ammonimento Io sono il garante del rinnovamento ma “Prima c’è l’Italia, poi c’è il Pd e il suo progetto per l’Italia poi ci sono le ambizioni personali”, ha spiegato nel suo intervento a Reggio Emilia. “Il rinnovamento del nostro partito è una necessità e una straordinaria opportunità. Non è questo in discussione. In discussione sono i criteri, le logiche e i modi di questo rinnovamento”.

Qui il testo integrale del discorso.

Annunci