Più bella e più superba che pria

Mentre si cerca di capire come e dove intervenire per salvaguardare il nostro bene comune, l’Italia, c’è chi fa un uso spregiudicato dei media. Pompare e rilanciare. Un uomo solo al comando. Che sia Berlusconi, che sia Grillo o qualche altro satrapo populista l’importante è stupire, evocare gesta grandiose.

Basta che lo fai divertì … il popolo è tuo.

E’ per questo che il grande Petrolini è ancora attuale.

NERONE: Atto unico del 1917 (SCENA OTTAVA)

EGLOGE: (entrando con un urlo di terrore)
Cesaretto
te vonno ammazzà! Tu sei responsabile dell’incendio.

NERONE: Io responsabile dell’incendio? No! Sono assicurato con la Fondiaria.

POPPEA: Cesare, persuadi il popolo con uno dei tuoi soliti discorsi.

NERONE: Sta bene, parlerò col popolo, ma non mi lasciate solo… venitemi a tergo…
(Si avvia al podio, ma delle urla improvvise  lo fanno retrocedere frettolosamente)
Ah, no… il popolo è ignorante…
vo’ li quatrini…
(Ripete l’azione e nuovamente retrocede)
Ho trovato… il popolo è mio… un nume mi ha dato un lume: Eureka! Eureka! E chi se ne… importa! L’ho in mano… Basta che lo fai
divertì  il popolo è tuo…
(Va al podio accolto nuovamente dalle urla, rimane al podio dicendo
i numeri della morra)
Sette… Tre… Tutta…

VOCE (d. d.): Quattro… Otto… Sei… Sei…

NERONE: Stupido… Ignobile plebaia! Così ricompensate i sacrifici fatti per voi? Ritiratevi, dimostratevi uomini e domani Roma rinascerà più bella e più superba che pria...

VOCE (d. d.): Bravo!

NERONE: Grazie.
(Rivolgendosi a Egloge e a Poppea)
E’ piaciuta questa parola… pria… Il popolo quando sente delle parole difficili si affeziona… Ora gliela ridico… Più bella e più superba che pria.

VOCE (d. d.): Bravo!

NERONE: (sempre più affrettatamente quasi cercando di sorprendere il popolo)
Più bella e più superba che pria...

VOCE (d. d.): Bravo!


NERONE: Più bella… grazie.

VOCE (d. d.): Bravo!

NERONE: … Zie.

VOCE (d. d.): Bravo!NERONE (facendo il gesto di dire la parola pria, senza però dirla)

VOCE (d. d.): Bravo!

NERONE: Bravo!

Fotogramma della versione cinematografica del "Nerone" di Petrolini  curata da Alessandro Blasetti (1930)

VOCE (d. d.): Grazie!

NERONE: Lo vedi all’urtimo come è il popolo? Quando si abitua a dire che sei bravo, pure che non fai gnente, sei sempre bravo! Guarda
(ripete il gesto senza dire la parola).

VOCE (d. d.): Brrrrrr…

NERONE: Domani… Domani… Domani… quanti ne abbiamo… Domani ne abbiamo… saranno fatte grandi distribuzioni di vino, di olio, di pane e di sesterzi… Panem et circentibus…

VOCE (d. d.): Panem et circenses!

NERONE: Cacchibus… C’è uno che parla bergamasco… Eccomi a voi tutto d’un pezzo… Io vi darò tutto, basta che non domandate nulla! Il momento è difficile, l’ora è suprema, l’affare s’ingrossa e… e chi la fa l’aspetta! Ed ora, ed ora vattene, diletta ciurmaglia!

Annunci