Positiva presa di posizione del PD Roma sul parcheggio di Piazza della Radio

Da anni il circolo PD Marconi è impegnato in una battaglia che vuole sancire il primato dei cittadini nell’intervenire ed essere partecipi delle scelte che li riguardano, cambiando la priorità dell’approccio che spesso vede le Amministrazioni calare dall’alto progetti incomprensibili e dannosi. Non si tratta di dire NO a tutto, ma di riaffermare il valore che la partecipazione è garanzia di sviluppo comune di idee, di progetti, servizi ed opere.

Relativamente alla vicenda parcheggi, PUP, sosta, viabilità, verde pubblico e trasporto locale nel quartiere Marconi pensiamo che l’iniziativa assunta dal dipartimento Mobilità del PD Roma con il comunicato di Stefania Giusti, responsabile Mobilità del PD ROMA sia un fatto importante e rilevante che deve essere valorizzato e portato alla discussione con e tra i cittadini.

A luglio scorso, di fronte ad altre incomprensibili accelerazioni, il nostro circolo in un → suo comunicato riportava come “in questa situazione assistiamo con perplessità alle reiterate voci che vogliono imminente un avvio del procedimento per la realizzazione di un altro PUP, quello di Piazza della Radio.”

Ogni opera è valida se ha un impatto ambientale rispettoso e se risolve insieme – in modo integrato – problemi come la sosta, la viabilità, un servizio efficiente di trasporto pubblico ed aree fruibili da parte dei cittadini.

Noi umilmente riteniamo di aver portato un contributo affinche le Amministrazioni riflettano seriamente su finalità e modalità di tali opere e riteniamo estremamente forte e positiva la dichiarazione e le azioni adottate dal dipartimento Mobilità del PD Roma, espresse con le parole di Stefania Giusti che potete leggere più avanti.

Carla Boto, segretario PD Marconi

Il comunicato di Stefania Giusti

“Il quartiere Marconi, come molti altri a Roma, soffoca per lo smog e le automobili parcheggiate ovunque, ma siamo sicuri che, soprattutto in un periodo di crisi economica, realizzare 500 box consenta di spostare 500 auto dalla superficie e liberare davvero le strade? L’esperienza del Piano Urbano Parcheggi, in altre zone di Roma, per esempio a Portuense, ha dimostrato infatti che, dopo essere stati realizzati, centinaia di posti auto rimangono invenduti. Con pochi, o nessun vantaggio sia per i cittadini che per gli operatori.” – così in una nota Stefania Giusti, consigliera del Municipio XV e responsabile Mobilità del PD Roma.

“A questa considerazione si aggiunge poi il fatto che la realizzazione di progetti così rilevanti anche dal punto di vista economico non sempre rappresenta, nonostante i buoni propositi iniziali, un’opera di riqualificazione per le aree in cui si colloca. A piazzale della Radio invece, la riqualificazione è necessaria e urgente, per spostare la pompa di benzina dal centro del quartiere e, soprattutto, per restituire agli abitanti un’area verde degna di questo nome, pienamente fruibile in sicurezza.” – continua Giusti.

“Per questo chiedo che l’intero progetto sia ridiscusso in maniera trasparente con operatori e cittadini: credo infatti che il problema delle auto che soffocano il quartiere non si risolva esclusivamente con la realizzazione di box privati ma sia necessario prevedere anche posti auto a rotazione.” – conclude Giusti – “Ritengo inoltre che sia necessario cogliere quest occasione per aprire il confronto coi cittadini residenti, che più di tutti hanno a cuore la fruizione e riqualificazione di Piazza della Radio e vivono la stringente necessità di avere a disposizione un’area verde in uno dei quartieri più densamente abitati della città.”

Annunci

7 pensieri su “Positiva presa di posizione del PD Roma sul parcheggio di Piazza della Radio

  1. Io però insisto: è tanto bello avere un’area verde, è vero che a Roma purtroppo su questi interventi si rischia la speculazione, ma come risolvere il problema delle auto parcheggiate ovunque? Si farà la fine del PUP di via Fermi bloccato per difendere i platani, e adesso i residenti parcheggiano sopra i platani stessi. Bisogna avere il coraggio di fare scelte ‘impopolari’: multe a raffica a chi parcheggia GIORNO e NOTTE in doppia fila, sugli scivoli, sulle strisce etc. E corsia preferenziale subito. Altrimenti sono solo parole, sacrosante, ma parole

  2. D’accordo sulla proposta di ridiscutere in maniera trasparente il progetto. Vorrei che in questa “ridiscussione” fosse “introdotta” la sistemazione del giardino di via Blaserna (alberi prato). E’ stata già garantita l’apertura e la chiusura del cancello. Dovrebbero essere coinvolte l’Ama e il sevizio giardini. Abbiamo bisogno di verde. Il giardino di di via Blaserna è nudo.

  3. tutto condivisibile quindi ci state dicendo che il pd è divisto sui pup sia a livello comunale che municipale. perchè sappiamo tutti che in municipio i pup di fermi e piazzale della radio con relativo progetti di sistemazione superficiale li vuole paris e li difende con i denti. al comune marroni e qualcun altro sono dello stesso avviso.ora vediamo che qualcosa si muove quindi nel pd municipale c’è chi è contrario così come al comune. ora mi verrebbe facile dire perchè non chiedete le dimissioni di paris o non lo sfiduciate così come avete chiesto per alemanno, ma verrei tacciato di faziosità, allore fermiamo tutto e discutiamo con tutte le forze in campo però senza coprirsi dietro il fatto che chi era maggioranza prima e a progettato questa cose essendo oggi opposizione fa finta di essere contrario, se questo è il giochino lasciamo perdere. voglio credere alla buona fede delle persone e quindi anche alla vostra, pertanto spero che quanto prima il consiglio del municipio xv si convochi su questo argomento per esprimere un parere.

  4. Credo che la consigliera Giusti ha coraggiosamente colto nel segno, potrebbe un’ottima presidente xv° municipio!!!

  5. Dalla prima pagina del Corriere.it – Roma. Titolo fuorviante (Ostiense…) ma in realtà siamo noi di Marconi:

    http://roma.corriere.it/foto_del_giorno/home/index_20121024.shtml

    L’articolo parla di Piazza della Radio, ma la foto non è però attuale: gli alberi vicino alla pensilina ATAC sono spogli mentre ieri sera erano pieni di stormi… (altro problema annoso…). Quindi quel cartello per lavori fotografato chissà quando è solo un pretesto per inserire l’argomento? Mah, l’importante è che se ne parli, e bene che venga fatto sulle testate giornalistiche più diffuse.

  6. Provo ad esprimere in maniera succinta il mio pensiero sul tema, non solo su Piazzale della Radio. Credo che in una città sepolta dalle lamiere, l’idea di togliere le auto dalla superficie serva soprattutto a RESTITUIRE SPAZIO PUBBLICO ai cittadini, aree che una volta liberate possono essere utilizzate, da una parte, per creare spazi verdi e di socialità e, dall’altra, per creare corsie preferenziali per il servizio pubblico. Marconi è sicuramente un quartiere che potrebbe migliorare moltissimo togliendo le auto dalla strada e riqualificando gli spazi che si liberano. Soprattutto recuperando un po del verde di cui si sente così profondamente la mancanza, ma anche creando aree gioco e spazi fruibili, aperti e in sicurezza. Alcune proposte possono aiutare in questi obiettivi, ma la fase partecipativa è FONDAMENTALE: per fornire garanzie in tema di sicurezza, per studiare con gli abitanti le soluzioni più adeguate al quartiere, per far comprendere gli obiettivi che l’Amministrazione intende perseguire con quel progetto. Tutto questo è mancato nella vicenda Fermi, al di là della bontà del progetto e questo ha causato disagi sia agli operatori che ai cittadini. Vorrei evitare di ripetere la stessa esperienza a Piazzale della Radio.
    Credo che dalle esperienze si possa sempre imparare, quindi non è detto che lo stesso partito che ha avviato l’esperienza del Piano Urbano Parcheggi a Roma non debba rivedere le proprie teorie e pratiche sul tema. Come Dipartimento Mobilità del PD è quello a cui sto lavorando e come Consigliera municipale è quello che mi sforzo di applicare.
    PS grazie al PD Marconi dell’ospitalità!

I commenti sono chiusi.