Una bella prova democratica queste primarie

Ed anche questa è fatta, grazie a questa bella prova di affetto e democrazia che gli elettori del PD ci hanno dato ancora. Certo tutto è perfettibile: tempi, modalità, luoghi. Ma ci avete dato fiducia e cercheremo di ripagarla e conquistarne altra. In 600 siete venuti a votare al nostro circolo, in percentuale uguale alla media nazionale di partecipazione.

Alcuni momenti non possono essere dimenticati: le persone che in fila ci dicevano “e se ne è parlato poco, di queste primarie, ed è stato difficile trovarvi”. E poi quando gli raccontavi delle difficoltà e di come ci danniamo l’anima per bucare la coltre di silenzio ti regalano un sorriso caldissimo. Oppure l’elettore, il primo elettore, che ci ha aiutato ad aggiustare la porta d’ingresso del circolo che stanotte è stata oggetto di vandalismo. Ed anche la pazienza dei cittadini e quella di tutti i nostri splendidi volontari, in testa Francesca, la giovanissima Francesca che da presidente del seggio ha dato prova, come sempre, di capacità, di rigore e determinazione.

Politicamente non posso che apprezzare il bel risultato che il tema del lavoro e del welfare ha avuto in queste primarie a livello romano: Stefano Fassina che raccoglie i risultati del suo impegno a livello nazionale e della coesione con il partito di Roma che ha condiviso l’ampio sostegno al suo nome;  Marianna Madia in ottima posizione per continuare il suo impegno in tema di lotta alla precarietà e il nostro Marco Miccoli che con la sobrietà, che da sempre lo contraddistingue, ha affrontato il particolare momento dell’essere in lizza coniugando umiltà e concretezza necessarie a garantire l’unità e la coesione del partito e dei suoi candidati al parlamento. Intendo sottolineare l’importanza che assume per la difesa dei valori della formazione, della ricerca della valorizzazione dell’istruzione scolastica ed universitaria il buon risultato di  Maria Coscia che le potrebbe permettere di continuare il lavoro già intrapreso alla Camera. Credo che tutti in Parlamento faranno bene.

In Municipio ed al circolo Marconi il risultato ha premiato Stefano Fassina e Marco Miccoli.

I dati che giungono a livello nazionale ci dicono che ci sarà un grande rinnovamento con tanti trenta, quarantenni che entreranno. La promessa e l’impegno di Bersani è stata riconosciuta dagli elettori sin dal momento della primarie per Presidente del Consiglio e premiata ancora con il dato del voto alle primarie.

Ancora significativo il dato che emerge analizzando le ultime posizioni dei consiglieri regionali uscenti che erano stati “caldamente consigliati” nel non presentarsi alle Primarie.

Ora ci aspetta la prova più difficile ed impegnativa: quella di vincere a Febbraio alle politiche con Pierluigi Bersani e alle regionali con Nicola Zingaretti. E poi a primavera alle comunali.

Se ci darete ancora fiducia, se noi saremo in grado di chiedervela seriamente e di meritarla ce la potremo fare.  Ricordiamoci sempre che nel 2013 entreranno in Parlamento donne e uomini scelti da voi elettori del centrosinistra, nell’ambito dei partiti della coalizione Italia Bene Comune,  decidendo i loro rappresentanti con ampie consultazioni e non in conventi o conventicole.

Un augurio di Buon Anno a tutte le democratiche ed i democratici.

Carla Boto

Annunci

Un pensiero su “Una bella prova democratica queste primarie

  1. dati Lazio1 Roma Città:

    1. Stefano Fassina 11.762,
    2. Ileana Argentin 6.828,
    3. Micaela Campana 6.815,
    4. Umberto Marroni 5.464,
    5. Matteo Orfini 4.992,
    6. Marianna Madia 4.969,
    7. Roberto Morassut 4.543,
    8. Monica Cirinnà 4.456,
    9. Roberto Giachetti 4.236,
    10. Marco Miccoli 4.017,
    11. Maria Coscia 4.005,
    12. Lorenza Bonaccorsi 3.706,
    13. Walter Tocci 3.571,
    14. Giuseppina Maturani 3.527,
    15. Daniela Valentini 2.686,
    16. Marco Di Stefano 2.555,
    17. Ivana Della Portella 2.513,
    18. Luisa Laurelli 2.133,
    19. Vincenzo Vita 1.293,
    20. Paolo Quinto 1.227,
    21. Roberto Di GiovanPaolo 1.074

I commenti sono chiusi.