“Ho sentito gli spari, poi il silenzio” di Enzo Roggi

il 14 febbraio 1987 in un attentato terroristico a via dei Prati dei Papa le BR assassinavano gli agenti Rolando Lanari e Giuseppe Scravaglieri e ferivano gravemente l’agente Pasquale Parente.

In quel 1987 Enzo Roggi scriveva su l’Unità. A noi piace testimoniare oggi con le parole di Enzo che commentarono quella ferocia.

“Ascolto la gente. Cosa mi colpisce? C’è turbamento, ma non direi angoscia … Poche parole sulle vittime, molte le invocazioni di vendetta. Nessuno allarga il pensiero al contesto, al possibile intreccio tra terrorismo e criminalità comune, al senso politico di questi episodi (sembra che nessuno si ricordi delle sparatorie recenti in via Nomentana), a questa cultura del denaro e del deprezzamento della vita a questa città senza più volto e sicurezza”

Sono parole che indagavano, cercavano di capire, di non fermarsi all’apparenza, di farci riflettere.

Ricordare quel massacro è per noi” dice Carla Boto, segretario del circolo PD Marconi, “la volontà di affermare  che la democrazia si costruisce  sempre e solo con la massima vigilanza di tutte le istituzioni. E le parole di Roggi mantengono oggi tutta la loro attualità

Enzo Roggi è scomparso nel Maggio del 2012.

Su l’Unità del 15 febbraio 1987 trovate l’articolo integrale di Enzo Roggi in prima pagina | ultima pagina. A pagina 3 invece la cronaca ed i commenti di quel giorno. Le pagine sono tratte dall’archivio storico de l’Unità.

Annunci