Municipio XI e la Carta di Pisa, ovvero il codice etico per le pubbliche amministrazioni

Ricostruire un legame sano tra cittadini ed istituzioni, una politica pulita, servire la
Comunità con diligenza, rettitudine e trasparenza, nel rispetto dei principi del buon andamento ed
imparzialità dell’Amministrazione e dei principi di disciplina ed onore nell’adempimento delle
funzioni pubbliche sanciti dall’art. 54 della Costituzione.

Questo è il senso della Carta di Pisa che abbiamo iniziato a conoscere qualche anno fa per merito delle battaglie di Paolo Masini.

Oggi li Municipio XI ha messo un primo tassello sul rispetto degli impegni elettorali e delle “linee programmatiche” .

Ci piace ricordare che qualche mese fa – quando i nostri candidati consiglieri avevano annunciato le candidature – questo elemento, trasparenza sui redditi e patrimoni, era stato da loro evidenziato come impegno.

Questa la dichiarazione del Presidente del Municipio, Maurizio Veloccia.

VELOCCIA: IL MUNICIPIO XI HA ADERITO ALLA CARTA DI PISA IL CODICE ETICO PER I PUBBLICI AMMINISTRATORI

carta-di-pisa2_300“Questa mattina la Giunta del Municipio XI ha approvato l’adesione alla “Carta di Pisa”, il Codice Etico per la promozione della legalità e della Trasparenza negli Enti Locali. Sono particolarmente lieto di questa importante decisione perché fra le priorità che avevo indicato nelle linee programmatiche che ho presentato in Consiglio lo scorso 11 luglio, vi era proprio la volontà di assicurare la massima trasparenza e correttezza all’attività degli amministratori del Municipio. Con la delibera che abbiamo approvato, tutti noi componenti della Giunta ed io per primo, ci siamo impegnati a sottoscrivere un codice etico per conformare la nostra condotta ai principi di rettitudine e trasparenza. Inoltre abbiamo invitato anche i Consiglieri del Municipio a sottoscrivere questo codice. In questo momento difficile per la vita pubblica, contrassegnata da scandali e da episodi di malcostume, sono convinto che questo codice etico rappresenti un importante strumento per la lotta alla corruzione politica e amministrativa e per la trasparenza del potere pubblico. Il ruolo di Amministratore Locale e soprattutto di chi come noi è chiamato alla guida dei Municipi, le istituzioni più vicine ai cittadini, ci impone il rispetto delle norme etiche e ritengo sia necessario mettere in campo tutti gli strumenti per accrescere la fiducia nella classe politica locale da parte dei cittadini. A tale riguardo ricordo che nei giorni scorsi in  Giunta abbiamo approvato una proposta di deliberazione, che dovrà essere confermata dal Consiglio, che istituisce “L’Anagrafe pubblica degli eletti”, che prevede per Presidente del Municipio, Assessori e Consiglieri la pubblicazione sul sito internet del Municipio dei redditi e della situazione patrimoniale. In attesa dell’approvazione di questa deliberazione, comunque già nei prossimi giorni sul sito del Municipio XI saranno pubblicati i dati relativi a tutti i componenti della Giunta”.

 

Annunci